Elenco di sentenze di riferimento per l’obiezione sui vaccini che riconoscono nessi causali o indennizzi, o proscioglimento da accuse ai genitori. La sentenza è uno strumento legale importante per la difesa dei diritti degli obiettori di coscienza e i danneggiati da vaccino, costituendo un precedente giudizio emesso a favore o contro un dato evento.

16/05/2015
SENTENZA DEL TRIBUNALE DI RIMINI

Tribunale di Rimini, in udienza del giorno 8/7/2014 con sentenza n.217/2014: il giudice ha accolto il ricorso del genitore contro il Ministero della Salute (contumace) nella controversia in materia di previdenza ed assistenza con oggetto richiesta di indennizzo ex lege L. 210/92.

Allegato: Sentenza Rimini n. 217-14

ILLUMINANTE SENTENZA DEL TRIBUNALE DI URBINO Il Tribunale di Urbino, in udienza Udienza il 06.07.2011, con Sentenza N. 219/11, il Giudice del Lavoro, ha esaminato il ricorso promosso dai genitori del minore contro la Regione Marche e il Ministero della Salute (contumace) nella controversia in materia di previdenza ed assistenza con oggetto richiesta di indennizzo ex lege L. 210/92. La domanda di indennizzo era stata presentata in data 4 aprile 2003 a seguito della lesione provocata al figlio con vaccinazione trivalente eseguita in data 15 aprile 1998. Il bambino, che godeva di ottima salute prima di effettuare le vaccinazioni, dopo… Leggi tutto

Allegato: Sentenza Urbino n. 219-11

ATTENDIBILE PROBABILITÀ CAUSALE  Con sentenza del Tribunale del Lavoro di Pesaro nella causa di previdenza iscritta al n.624/2011 lavoro e Previdenza promossa da una famiglia marchigiana rappresentata e difesi dall’avv. Luca Ventaloro, CONTRO il MINISTERO della SALUTE, nella persona del dott. Vincenzo Pio Baldi quale giudice del lavoro, visti gli articoli 442 e 429 c.p.c., preso atto delle conclusioni rassegnato dalle parti al termine della discussione orale, ha pronunziato mediante lettura del dispositivo e della contestuale motivazione SENTENZA l’accoglimento della domanda della famiglia di un minore affetto da Autismo di ottenere l’indennizzo di cui agli artt. 1 e 2 della L. 210/92, condannando il Ministero, riconoscendo il diritto… Leggi tutto

Allegato: SENTENZA Tribunale del Lavoro di Pesaro, causa di previdenza iscritta al n. 624/2011

IL GIUDICE DEL LAVORO DEL TRIBUNALE DI PESARO EMETTE UNA SENTENZA STORICA CONTRO IL MINISTERO Il tribunale di Pesaro, sezione lavoro, nella persona del dott. Pio Baldi, Giudice del Lavoro, nell’udienza del 1.7.2013 scorso ha pronunziato una sentenza di grande rilevanza per la giurisprudenza di questo paese: viene indennizzata ai sensi della L. 210/92, art. 2, la morte in culla (SIDS) di una bambina in seguito al nesso causale con la somministrazione del vaccino (ESAVALENTE). I genitori erano rappresentati e difesi dall’Avv. Luca Ventaloro. Il tribunale di Pesaro ha riconosciuto colpevole il Ministero della Salute e stabilito un risarcimento di 200.000 … Leggi tutto

Allegato: Sentenza 260-13 del 01.07.2013, Tribunale di Pesaro

ANCORA UNA SENTENZA FAVOREVOLE EX LEGE 210/92 Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Pesaro, nell’udienza del 04.06.2012, per il ricorso promosso dal Ministero della Salute nella controversia in materia di previdenza ed assistenza contrassegnata dal n. 954 Ruolo generale anno 2010 con oggetto richiesta di indennizzo ex lege L. 210/92 giudica favorevolmente, con Sentenza N. 256/12, alla famiglia del danneggiato. La famiglia era assistita dall’Avv. Luca Ventaloro del foro di Rimini. L’oggetto della controversia è come sempre il nesso causale sussistente fra il ritardo psicomotorio e la prima e seconda vaccinazione pediatrica. Il Ministero eccepisce ancora una volta il difetto… Leggi tutto

Allegato: Sentenza Pesaro n. 256/12

CONDANNATO IL MINISTERO CHE AVEVA RICORSO ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO – Importantissima e significativa sentenza della Corte d’Appello di Ancona che respinge il ricorso del Ministero contro una sentenza di primo grado in causa civile per danni da vaccino. Un’altra importante affermazione del diritto che questo dispositivo sancisce, in favore di un macroscopico danno psico-neuro-motorio da vaccino subito da una bambina di Pesaro. La Corte d’Appello condanna il Ministero anche al pagamento delle spese di CTU e ad un rimborso di spese sostenute per affrontare il ricorso in misura di 2.000,00 Euro.

Non finiremo mai di stupirci come, di fronte all’evidenza, il Ministero si ostini a ricorrere in appello: ci chiediamo ogni volta chi intenda rappresentare questa istituzione, se i cittadini sovrani che nella fattispecie hanno subito addirittura un danno grave a causa di una pratica imposta dallo Stato, oppure altri soggetti, attori principali in questa situazione che non esitiamo a definire “kafkiana”, ovvero “paradossale”, dove il danno da vaccino viene accettato come uno “status quo”, implicando così l’impossibilità di qualunque reazione tanto sul piano pratico che su quello psicologico.

Le parole di Medea, pronunciate nell’omonima tragedia di Seneca “Cui prodest scelus, is fecit” non possono che essere le più appropriate al caso, proprio perché chiederselo aiuta a rintracciare i fini ultimi e i reali interessi che si nascondono al di là degli alti ideali che queste posizioni sembrano proporsi e garantire (la salvaguardia dell’idea che le vaccinazioni sono una pratica sicura ed efficace) …

A breve saranno disponibili le motivazioni della Corte che verranno integrate nel presente articolo.

Congratulazioni alla famiglia che ha saputo resistere a questa grande prova e all’Avvocato Ventaloro che ha seguito tutto l’iter fin qui prodotto nella causa.

Allegato: Sentenza Corte d’Appello di Ancona, 5 dicembre 2013

Sentenza del Tribunale Penale di Macerata. Assoluzione dei genitori dall’accusa di violazione art. 110 e 650 del C.P. per inosservanza dell’ordinanza ingiunzione del Sindaco di eseguire vaccinazioni obbligatorie. Depenalizzazione dell’inosservanza delle leggi dell’obbligo vaccinale. I genitori venivano rinviati a giudizio per violazione degli artt. 110 e 650 del Codice Penale per non aver ottemperato ad una Ordinanza del Sindaco che intimava loro il completamento del ciclo vaccinale. La difesa dei genitori invece proponeva il proscioglimento dei genitori ai sensi dell’art. 129 del codice di procedura penale sulla base della depenalizzazione contenuta nelle leggi 706/75 e 689/81. La sentenza dà ragione… Leggi tutto

Allegato: Sentenza Tribunale Penale Macerata n. 271.02 del 23.03.2002

13/01/2013
RICHIESTA DI INDENNIZZO AI SENSI DELLA L. 210/92

Con Sentenza N. 489/08, il Tribunale di Ascoli Piceno, il Giudice del Lavoro, con udienza del 11.04.2008, nella causa promossa contro il Ministero della Salute (richiesta di indennizzo previsto dagli artt. 1 e 2 L. 210/92, causa seguita dall’Avv. Luca Ventaloro del foro di Rimini) decide che la domanda è fondata.

Il Ministero era contumace.

Il giudice afferma che il CTU ha accertato come il ricorrente sia affetto da encefalopatia epilettogena post-vaccinica a scarso compenso farmacologicocon ridotta integrità psicofisica del soggetto nella misura del 75%. Si ritiene la patologia ascrivibile alla classe III cat. Tab. A DPR 30/12/81 N. 834.

La sentenza è estremamente sintetica e non si dilunga sugli aspetti medico legali o su valutazioni tecniche in generale ed è probabile che queto sia dovuto anche alla condizione di contumacia el Ministero della Salute.

Rimane comunque un altro punto fermo nel panorama delle cause per danno da vaccino.  Leggi su Comilva

Allegato: Sentenza Ascoli Piceno n. 489-08

…ELENCO IN ALLESTIMENTO

SENTENZA CORTE D’APPELLO DI VENEZIA, SEZIONE MINORI, R.R.M. 29/03. LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE VACCINAZIONE ANTITETANICA.

La Corte d’Appello di Venezia, Sezione Minori, nella causa civile iscritta al numero 29/03 R.R.M. avente per oggetto la Vaccinazione Antitetanica, solleva questione di legittimità costituzionale in rif. all’art. 32 della Costituzione della L. 5.3.1963 N. 292 (modificata con L. 27.4.1981 N. 166) sull’obbligatorietà della vaccinazione antitetanica. Principali motivazioni della sentenza: abbattimento delel condizioni di rischio dei bambini per modificazioni delle condizioni ambientali oggetto della frequentazione dei bambini, novità in merito alla frequentazione scolastica, liberalizzata con DPR 355/99, riconoscimento del peso dei movimenti di opinione in merito alla richiesta di cessazione dell’obbligo vaccinale in Italia, riconoscimento di una opposizione motivata alle vaccinazioni basata su ragioni sanitarie…

Leggi tutto

SENTENZA DEL TRIBUNALE DEL LAVORO DI RIMINI STABILISCE IL NESSO FRA VACCINO MPR E AUTISMO

IMPORTANTE PASSO AVANTI PER RICONOSCIMENTO DEL DANNO DA VACCINO Il Tribunale di Rimini, Sezione Lavoro, con la Sentenza n. 148/2012 del 15.3.2012, ha riconosciuto in capo al minore B.V. il nesso di causalità tra la vaccinazione ed l’autismo, ed i benefici di indennizzo di cui alla Legge n. 210/1992. Sono state accolte tutte le richieste difensive. Alleghiamo la sentenza, molto interessante per le motivazioni ivi contenute. Stiamo ottenendo in tutta Italia sempre più successi giudiziari, segno di una rinnovata consapevolezza medico-legale e giuridica. Tutto in favore di soggetti “deboli”, che a causa di una prassi sanitaria pericolosa e praticata in…

Leggi tutto

CORTE COSTITUZIONALE. SENTENZA 14-22 GIUGNO 1990 N. 307

Corte Costituzionale. Sentenza 14-22 giugno 1990 N. 307 Illegittimità Costituzionale della legge 4 febbraio 1966, n. 51 (Obbligatorietà della vaccinazione poliomielitica) nella parte in cui non prevede, a carico dello Stato, un’equa indennità per il caso di danno derivante da contagio o da altre apprezzabili malattie riconducibili alla vaccinazione antipoliomielitica obbligatoria.   Allegato: Corte Costituzionale. Sentenza 14-22 giugno 1990 N. 307…

Leggi tutto

SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE 16-17 MARZO 1992, N. 132

Sentenza della Corte Costituzionale 16-17 marzo 1992, n. 132, Coercibilità dell’obbligo vaccinale, Giudizio di Legittimità Costituzionale. Si dichiara non fondata la questione di legittimità delel norme della legge 4 febbraio 1966, n. 51 (obbligatorietà della vaccinazione antipoliomielitica) in rif. agli articoli 32 e 34 dell Costituzione solelvata dalla sezione minori della Corte d’Appello di Trento.   Allegato: Sentenza della Corte Costituzionale 16-17 marzo 1992, n. 132…

Leggi tutto

CORTE COSTITUZIONALE. SENTENZA N. 461 DEL 14 DICEMBRE 2005

Sentenza N. 461 del 14 dicembre 2005. Negazione dei benefici della L. 210/92 al coniuge contagiato da Epatite C. Sentenza N. 461 del 14 dicembre 2005. Legittimità costituzionale art. 1 e dell’art. 2 comma 6 L. 210/92 laddove non prevedono che i benefici della medesima legge spettino anche al convivente more uxorio che risulti contagiato da uno dei soggetti di cui all’art. 1 L. 210/92 per contrasto con la Costituzione agli artt. 2 e 3. La CMO respingeva la domanda di indennizzo per decorrenza dei termini e per mancanza di nesso causale. La Corte Costituzionale dichiara inammissibile la questione di…

Leggi tutto

CORTE COSTITUZIONALE. SENTENZA N. 423, 2000. INDENNIZZO PER DANNI DA VACCINAZIONI ANTIEPATITE B EFFETTUATE PRIMA DELL’ENTRATA IN VIGORE DELLA LEGGE DELL’OBBLIGO

Sentenza N. 423 Corte Costituzionale, 2000. Questione di legittimità costituzionale degli artt. 1, comma 1, e 2, comma 2, della legge 25 febbraio 1992, n. 210 per non aver contemplato il danno biologico. Questione di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, laddove non prevede l’indennizzo per danni da vaccinazioni antiepatite B effettuate prima dell’entrata in vigore della legge dell’obbligo. Legittimità costituzionale degli artt. 1, comma 1, e 2, comma 2, della legge 25 febbraio 1992, n. 210. Con ordinanza del 7 luglio 1999 (r.o. 601/1999), il Tribunale di Firenze ha sollevato, in riferimento agli artt. 2 e 38 della Costituzione…

Leggi tutto

CORTE COSTITUZIONALE. SENTENZA N. 27, 1998, INDENNIZZO PER I DANNI DA VACCINO CAUSATI DA VACCINAZIONI ANTIPOLIO ANTECEDENTI ALLE LEGGI DELL’OBBLIGO

Sentenza N.27, Corte Costituzionale, 1998. Illegittimità degli 1, comma  1, e 2, comma 2, della legge 25 febbraio 1992, n. 210 dove non preveda l’indennizzo per i danni da vaccino causati da vaccinazioni antipolio antecedenti alle leggi dell’obbligo. Legittimità costituzionale degli artt. 1, comma  1, e 2, comma 2, della legge 25 febbraio 1992, n. 210. contrasto con l’art. 3, primo comma, della Costituzione, “in rapporto agli artt. 2 e 38 Cost.”, questione di legittimità costituzionale dell’art. 1 della legge 25 febbraio 1992, n. 210 (Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni…

Leggi tutto

CORTE COSTITUZIONALE. SENTENZA N. 258 DEL 20 GIUGNO 1994, LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE LEGGI DELL’OBBLIGO VACCINALE

Sentenza N. 258 del 20 giugno 1994. Legittimità costituzionale leggi dell’obbligo vaccinale. Giudizi di legittimità costituzionale della legge 27 maggio 1991, n. 165 (Sulla vaccinazione obbligatoria contro l’epatite virale B), della legge 4 febbraio 1966, n.51, della legge 6 giugno 1939, n. 891 e della legge 5 marzo 1963, n.292, 20 marzo 1968 n. 419 (Modificazioni alla legge 5/3/1963, n. 292, recante provvedimenti per la vaccinazione antitetanica obbligatoria), promossi con le seguenti ordinanze: 1) ordinanza emessa l’11 gennaio 1994 dal Pretore di Bassano del Grappa nel procedimento civile vertente tra Zampierin Erminio ed il Comune di Bassano del Grappa. Nella…

Leggi tutto

APPROFONDIMENTO SULLA SENTENZA Sentenza n. 148/2012 del 15.3.2012 del Tribunale di Rimini

LA SENTENZA RIPARATRICE

LA SENTENZA RIPARATRICE Stampa e televisione, siti internet a servizio del sistema sanitario e delle lobby farmaceutiche si sono affannati nelle settimane scorse a dare il lieto annuncio del ribaltamento in appello della sentenza di Rimini N. 148/2012, la “famosa” sentenza di Rimini sulla probabile correlazione fra MPR ed Autismo. Per gran parte dell’establishment sanitario italiano (e non) è stata una gran liberazione, un fatto più che annunciato e di cui si attendeva solo l’ufficialità, visto il gran parlare che la sentenza aveva fatto di sé. Va subito detto, ancora una volta in più se ce ne fosse bisogno, che

Leggi tutto

Scatta la controffensiva per la sentenza del Tribunale di Rimini

LA CASTA SANITARIA NON CI STA Il Tribunale di Rimini, Sezione Lavoro, con la Sentenza n. 148/2012 del 15.3.2012, ha riconosciuto in capo al minore B.V. il nesso di causalità tra la vaccinazione ed l’autismo, ed i benefici di indennizzo di cui alla Legge n. 210/1992. Questa battaglia giudiziaria è stata condotta con successo dal “nostro” Avvocato Luca Ventaloro e dal dott. Dario Miedico come perito di parte, con i contributi di altri medici, tra i quali (come citato nel giudizio) del dott. Massimo Montinari. Il 10 aprile 2012, con un comunicato inviato AGI (Agenzia Giornalistica Italiana), il Board Scientifico del Calendario Vaccinale per …

Leggi tutto

…ELENCO IN ALLESTIMENTO

- Advertisement -

SEGUICI SU...

1,115FansLike
21FollowersFollow
724FollowersFollow
17SubscribersSubscribe

ALTRI ARTICOLI

PRIMO PIANO

ASSOCIAZIONI

COSA NE PENSI?

Digita il tuo commento

Ho letto la privacy policy e acconsento.

Il tuo nome...