Legge vaccini, sindaci biellesi: richiesti anticorpali e scuole aperte a tutti!

Sindaci biellesi in prima linea contro i rischi vaccinali e la discriminazione a scuola, portano in Regione importanti richieste a tutela dei cittadini.

1
6956

Sindaci biellesi in prima linea contro i rischi vaccinali e la discriminazione, consapevoli della necessità di accurate indagini e delle controindicazioni, portano in Regione documenti sull’evidenza dei pericoli connessi alle vaccinazioni e denunciano le lacune della legge 119/2017, chiedendo la predisposizione di: test anticorpali e allergologici, anamnesi familiare, diritto al consenso informato, trasparenza e inclusione dei bambini non vaccinati nelle scuole.

Foto: newsbiella.it

Secondo i sindaci di Cossato, Quaregna, Bioglio e Mongrando, la legge sui vaccini va migliorata per evitare rischi. Il documento chiave, redatto da un virologo di Biella, appena depositato in direzione sanità e al cospetto di Chiamparino, porta la loro firma ed è stato approvato da 40 medici.

Qui l’articolo: “No alla legge attuale sui vaccini, ecco le controindicazioni”, Corradino e Giordani in Regione – apparso su NewsBiella.it

Avevamo promesso di venire a Torino a portare un documento dove si mettono in evidenza le controindicazioni vaccinali. Dispiace quanto accaduto all’ultima assemblea provinciale dei sindaci (dove è mancato numero legale, ndr) ma andiamo avanti. Ribadiamo che non siamo contro i vaccini ma è necessario il miglioramento della legge attuale“.

Sindaco di Quaregno, Katia Giordani

A parlare sono Claudio Corradino, sindaco di Cossato, e Katia Giordani, primo cittadino di Quaregna, che nella mattinata di oggi, 24 ottobre, sono giunti nel capoluogo piemontese per consegnare un dossier agli uffici dell’assessorato e alla direzione regionale alla sanità e al presidente regionale, Sergio Chiamparino. Il documento arriverà sul tavolo del direttore generale dell’Asl Biella, Gianni Bonelli.

Al documento che aveva presentato un medico virologo dell’Asl Biella e che aveva ottenuto il supporto di 40 medici – spiega Katia Giordani – è stato aggiunto un allegato con cui si chiede la predisposizione di test anticorpali e allergologici, un anamnesi familiare, il diritto al consenso informato, la trasparenza con le famiglie e l’inclusione dei bambini non vaccinati nelle scuole“.

Tra i firmatari delle richieste anche i sindaci di Bioglio e Mongrando, Stefano Ceffa e Antonio Filoni. “Resta importante che la voce del dissenso si levi – afferma Claudio Corradino a Newsbiella – se ci fosse un movimento d’opinione, il ministro sarebbe messa di fronte alle sue responsabilità“.

Fonte: http://www.newsbiella.it/2017/10/24/leggi-notizia/argomenti/attualita-1/articolo/no-alla-legge-attuale-sui-vaccini-ecco-le-controindicazioni-corradino-e-giordani-in-regione.html

1 COMMENTO

COSA NE PENSI?

Digita il tuo commento

Ho letto la privacy policy e acconsento.

Il tuo nome...